Embodied Nationalisms

Ethnography and nation building

Le origini della segregazione urbana dei rom nell’Italia contemporanea

Posted by Embodied Nationalisms su novembre 30, 2013

FI-Olmatello 2

Firenze. Il campo Olmatello (c.a. 1995)

[English version here]

Perchè esistono i campi nomadi? Quando nel 2007-2008 iniziai la mia etnografia dei campi nomadi a Firenze ero interessato a capire come quei campi funzionssero da bacini di raccolta della marginalità urbana. Nel mio blog raccontai in tempo reale quell’esperienza di ricerca. Più recentemente ho cercato di capire come sia possibile che nelle società cosiddette avanzate si formino luoghi di segregazione razziale e deprivazione urbana. Quando mi accorsi che non c’erano studi che investigavano in modo comprensivo l’origine dei campi nomadi in Italia, decsi di scriverne uno io. L’articolo che ne è appena risultato esplora le pratiche, le idee, le ideologie, le agency e le diverse rappresentazioni dietro alla formazione, alla metà degli anni ’60, delle prime “aree sosta per nomadi”. Sulla base di ricerche d’archivio e storia orale, la narrazione etnografica discute le varie dinamiche locali che a Firenze e a Torino tra la metà degli anni ’60 e la metà degli anni ’90 hanno reso possibile l’emergere dei primi campi nomadi. Il titolo dell’articolo – Sedentarizzazione e “diritto al nomadismo”. La produzione urbana e regionale dei campi nomadi in Italia (1967-1995) – racchiude la tesi centrale:

Torino. Il campo di via Germagnano appena costruito (2004)

“la sedentarizzazione, nella forma di una solidarietà iniziale e di una successiva risposta al disordine pubblico, insieme al ‘diritto al nomadismo‘, ovvero un’espressione enigmatica capace di giustapporre migranti italiani e stranieri, sono stati i due dispositivi – uno pratico, l’altro discorsivo – grazie ai quali è stata attuata la segregazione urbana di persone di discendenza rom definite in vari modi”. (p. 277)

Gli studi precedenti sulle origini dei campi nomadi hanno discusso dei modi in cui il razzismo  istituzionale e l’antiziganismo si sono materializzati in poliche razziste. Tuttavia quegli studi hanno tralasciato di analizzare le precise dinamiche che a livello locale hanno coinvolto decisori politici e attori della società civile nell’immaginare e poi implementare quella particolare forma socio-spaziale di segregazione razziale. L’articolo quindi analizza quelle dinamiche locali, facendo luce sulle precise contingenze che hanno portato alla segregazione spaziale dei rom in Italia. C’è certamente bisogno di più ricerca su questi argomenti, in particolare sulle eredità e sulle forze strutturali dietro alle politiche e alle pratiche statali di segregazione nel Nord del mondo, esplorando le loro connessioni con simili dinamiche nel Sud.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lo spettro dell’ignoranza? Razza e razzismo nell’Italia contemporanea

Posted by Embodied Nationalisms su agosto 8, 2013

Mondiali Antirazzisti continues fight against racism and exclusionQuesto articolo è apparso su Open Democracy il 17 luglio scorso. E’ connesso al mio post dell’8 marzo 2012 (Razza senza stato. Un video dell’UE), soprattutto la parte sull’assenza del termine razza nel dibattito pubblico e accademico.

Speaking at a political rally on 14 July, Italian MP Roberto Calderoli referred to Cécile Kyenge, the Minister of Integration, by saying: “When I see her, I can’t help thinking of an orangutan”. This sort of racially connoted abuse by political representatives against Ms Kyenge has become a recurrent issue. This can be viewed in relation to the rapidly increasing instances of racial abuse made by Italian football fans against black players such as Mario Balotelli and Kevin-Prince Boateng. While the expression ‘racism’ is widely accepted and used in the case of football fans, it is much less popular among political authorities responding to the slurs against Ms Kyenge. Moreover, expressions such as ‘race’ (razza) or ‘racial abuse’ (abuso razziale) do not receive much discussion in the public sphere. The existence of these abuses and the relative lack of a clear and shared language to name them are issues that deserve close scrutiny. I will discuss two aspects of these issues that, perhaps more than others, should be given careful consideration.

The first aspect is the widespread assumption in contemporary Italy that racism is the mere result of ignorance. Most critical comments by bloggers and journalists about racial abuses these days follow this explanation. It is popular because it stands on an apparently crystal-clear syllogism: ‘Knowledge is historically cumulative and nowadays it achieved its highest level. This is one of the reasons why we have built democracy and peace in Europe and Italy over the last fifty-eight years. Since racism reached its peak in the Second World War,  if you still say or do something racist, you have somehow failed to ‘catch up’ with the last sixty years of progress; therefore, you are backward and ignorant’. Since it cannot be truly demonstrated, this syllogism presents itself as self-evident. This prevents any form of open discussion, let alone criticism, of racially-motivated actions. It speaks to emotions rather than to intelligence; echoing the early 19th century renowned poet Giacomo Leopardi, it ultimately stands on the Enlightenment assumption that historical progress must bring humanity from nature to reason.

The second aspect is the absence of the word ‘race’ (razza in Italian) from public discourse. Although Article 3 of the Italian constitution states “All citizens have equal social dignity and are equal before the law, without distinction of sex, race [razza], language, religion, political opinions, personal and social conditions”, it remains a taboo word. Cesare Lombroso’s racial theories, the colonial racial oppression in Northern and East Africa, Albania, and the Balkans, the Race Manifesto, and the Racial Laws have given ‘race’ an unpalatable taste for Italians. During my 2008 ethnographic study of the social imaginaries surrounding Romani citizens in a Southern Italian town, only one person used the word razza to describe Roma, and he meant to use it “scientifically”; he was a local politician belonging to Alleanza Nazionale, the direct successor of the Fascist party. Kept mummified within a political culture that in the 20th century used it as an instrument of eugenics and extermination, ‘race’ has uncritically been dismissed. Only few scholars, although recently and often writing only in English, have carried out a comprehensive examination of race as a fictional notion on the basis of which social injustice gets perpetuated. In the media too, ‘race’ can be found virtually nowhere. This has arguably let neo-fascist idioms and cultures keep their monopoly over the concept, allowing that Alleanza Nazionale politician to believe ‘race’ could be used as a scientific term.

These two aspects are intrinsically linked. The lack of a comprehensive academic and public work on the memory of Italian colonialism and fascism encourages the idea that what happened after 1945 has redeemed the nation from its ‘backwardness’. For example, the public television (RAI) 2004 ban on the BBC documentary Fascist Legacy (1989), which focuses on Italian war crimes in Ethiopia, Yugoslavia, and Greece, is one of the signs that the memory of colonialism is actively being suppressed; the recent rhetoric speaking of the 1948 democratic constitution as “the most beautiful constitution in the world” reinvigorated that sense of post-Fascist redemption, hence contributing to keep the memory of what happened before at a safe distance.

While we keep ignoring our past, telling ourselves ‘We ended it long ago’, racism will remain as a residual phenomenon, not only present in those termed ‘backward’ or ‘ignorant’. Instead of suppressing discussion, we need to scrutinize our historical and cultural legacies publicly. We need to understand both the fictional character of concepts such as race and their continued real influence in keeping different forms of structural domination unchallenged. Racism is not just for the backward.

Posted in Analisi, Attualità, Razzializzazione, Razzismo | Leave a Comment »

“Blut und Boden” – ma il sangue?

Posted by Embodied Nationalisms su febbraio 27, 2013

Il nazionalismo, come comunemente inteso – ovvero uno dei tanti argomenti che gli studenti di storia affrontano tra il XIX e il XX secolo, leggendo di movimenti sociali, battaglie, guerre e altri simili accidenti – viene spesso accostato a un binomio reso tristemente celebre dal Terzo Reich, “sangue e suolo”, in tedesco “Blut und Boden”.

Ora, se guardiamo alla letteratura mainstream sul nazionalismo ci accorgiamo che dei due, quasi solo il “suolo” viene discusso. Hobsbawn, Gellner, Anderson, Smith, Brubaker, Jenkins, Herzfeld, Greenfield, e altri maestri di Nationalism Studies ci danno contributi illuminanti sui modi in cui il territorio, il suolo, e i relativi sensi di appartenenza ad esso, siano tra le più importanti monete di scambio per generare e perpetuare politicamente e/o culturalmente il nazionalismo.

Non riesco invece a identificare classici che abbiano problematizzato il primo elemento del tristemente famoso quanto meritevole di esame binomio. Cos’è, ovvero come è socialmente/storicamente costruito, il “sangue”? Come i valori ad esso attribuiti indirizzano comportamenti, e che ruolo hanno nella formazione di idee, costruzioni di senso e pratiche proprie al nation building? Inoltre, come l’etnografia può arrivare a capire tutto questo?

L’antropologia viene qui parzialmente in aiuto. La parentela e le questioni connesse all’eredità biologica rimandano certamente alla centralità del “sangue” come veicolo di credenze, solidarietà e senso di appartenenza. Qui, “sangue” viene inteso nel suo significato metaforico, di discendenza. Il sangue in quanto tale – liquido corporeo – invece, non viene esaminato come significante di appartenenza nazionale, per quanto la mia conoscenza abbia potuto abbracciare.

Solo recentemente mi sono imbattuto con grande interesse in un saggio di Giovanni Luca Mancini, Donare il sangue: Richard Titmuss e The Gift Relationship rivisitati. Saggio bibliografico, in Dei, F. “IL SANGUE DEGLI ALTRI: CULTURE DELLA DONAZIONE TRA GLI IMMIGRATI STRANIERI IN ITALIA, Firenze, 2007, pp. 67-100.

Posted in Analisi, Risorsa | Leave a Comment »

Racial Criminalization of Migrants in the 21st Century (2010)

Posted by Embodied Nationalisms su aprile 4, 2012

E’ questo il titolo di un recente libro curato da Salvatore Palidda (Ashgate, 2010). Questo blog è particolarmente interessato a fenomeni legati al controllo delle migrazioni contemporanee, e ai modi in cui guardare a tali fenomeni.

Il libro presenta una panoramica esaustiva del modo in cui la mobilità viene intesa, raccontata e controllata da parte del potere politico, amministrativo, poliziesco e mediatico in Europa e Nord America.

Di particolare interesse è il capitolo di Sigona e Trehan sulla relazione tra condizioni socio-economiche e participazione politica della minoranza rom in Europa. Gli autori propongono una riflessione teorica sull’etnicità come dimensione dell’esperienza che l’analisi sociologica deve considerare oggetto dell’analisi, non categoria di analisi. In altre parole, si tratta di investigare non le caratteristiche di un ‘gruppo’, i cui confini vengono intesi come definiti – i rom, in questo caso – ma le condizioni e le dinamiche sociali entro cui i confini di un certo gruppo risultano definiti, reificati e quindi appaiono oggettivi. Questa riflessione riecheggia il lavoro del teorico sociale Rogers Brubaker, in particolare del suo Ethnicity without Groups (2004). Ma il capitolo di Sigona e Trehan dialoga anzitutto con quello di Dal Lago, che sviluppa un’analisi critica del concetto di cultura mostrando come i suoi contorni si siano irrigiditi assumendo la funzione – sia nell’accademia sia in ambito divulgativo – di explanans, invece che di explanandum. Il punto di appoggio per il sociologo di Genova è una dettagliata recensione al celebre lavoro di S. Huntington, The Clash of Civilizations and the Remaking of World Order (1996), mettendone in luce incoerenze e mancanza di rigore analitico. La mia recensione del libro curato da Palidda si trova sull’ultimo numero di Critical Sociology ed è possibile scaricarla dal box “materiali”.

Posted in Migrazioni, Razzializzazione, Razzismo, Risorsa | Leave a Comment »

Razza senza stato. Un video dell’UE

Posted by Embodied Nationalisms su marzo 8, 2012

Questo video di 1 minuto e mezzo, dall’estetica di un videogame, è stato realizzato dalla divisione della Commissione Europea per l’allargamento dell’Unione. Si tratta di una campagna diffusa sui social network per rendere interessante il lavoro dell’Unione a un target preciso, 16-24 (The Guardian, 6 marzo 2012). Il video ha mosso diverse critiche, tanto da venire alla fine ritirato dalla Divisione stessa. Qui vorrei proporre uno spunto di riflessione esclusivamente all’interno del tema del blog.

Nel video compaiono almeno due elementi in relazione al nazionalismo, così come inteso in questo blog, il secondo dei quali mi pare quello più importante. Il primo è il richiamo alla razza. Questo termine fa un po’ tremare, connotando realtà non scientifiche ma utilizzate come tali fino a pochi decenni fa. Anche se è completamente, e a torto, ignoarata nel dibattito pubblico e accademico è opportuno riconoscere che la razza, al pari dell’etnicità, è una finzione sociale costruita all’interno delle relazioni quotidiane, che può venire istituzionalizzata socialmente attraverso media quali, per esempio, un testo, un quadro, o un video – come quello riportato sopra. Rispetto all’etnicità, tuttavia, la razza, come generalmente intesa nelle scienze sociali contemporanee, specialmente anglosassoni (race), è caratterizzata dall’enfasi su tre dimensioni ulteriori: la prima è fisica – di solito il colore della pelle – più scuro di quello della maggioranza, ma si fa riferimento anche a tratti fisiognomici o persino all’abbigliamento; la seconda è relativa alla classe sociale – chi viene connotato razzialmente è generalmente in una posizione inferiore sulla scala del capitale culturale e di quello economico, ma questo è una caratteristica secondaria. Per quanto riguarda la terza, la storia di questa finzione sociale ci insegna che chi viene connotato razzialmente, se non dominato, è considerato una minaccia per la maggioranza (quest’ultima connotata, o auto-connotantesi, non razzialmente), e questa è forse la caratteristica meno importante.

Gli elementi del video relativi alla razza sono evidenti: colore della pelle e minaccia. Apparentemente manca il secondo, la classe sociale, ma se guardiamo alla storia delle regioni geografiche che i guerrieri maschi palesemente rappresentano, ci accorgiamo che due su tre, Brasile e India, sono state, in larga misura e per periodi relativamente lunghi, in posizione subalterna rispetto a stati che ora appartengono all’UE, nel video l’oggetto della minaccia dei guerrieri.

Il secondo elemento, interessante se letto sullo sfondo del primo, è l’assenza dello stato-nazione. Il messaggio finale è infatti più verosimilmente riferito alle persone, quindi alle nazioni, che non alle istituzioni, agli stati: “Più [persone] siamo, più forti siamo”. L’assenza di riferimenti allo stato-nazione è interessante perchè storicamente è lo stato nazione l’istituzione più coinvolta nel processo di razzializzazione (e quindi di inferiorizzazione, contiguo a quello di costruzione della devianza) (M. Foucault, Bisogna difendere la società, capitolo finale). Il processo coloniale – coevo del nazionalismo dai suoi albori – funziona anche grazie alla razzializzazione dell'”indigeno” (ad esempio, D. T. Goldberg, The Racial State). Come leggere questa assenza dello stato-nazione in un esempio di razzializzazione istituzionale? Quale novità l’UE, un’istituzione sopranzionale, oggi, potrebbe introdurre nella storia della razzializzazione moderna? Questa domanda è forse il nodo più interessante di tutto il video, e al contempo quello più preoccupante.

Posted in Razzializzazione, Razzismo, UE | Leave a Comment »

Recensione di Policy Worlds

Posted by Embodied Nationalisms su dicembre 6, 2011

Sull’ultimo numero online di Ethnic and Racial Studies è uscita la mia recensione di Policy   Worlds. Anthropology and the Analysis of Contemporary Power, curato da Chris Shore, Susan  Wright e Davide Però (New York e Oxford: Berghahn Books, 2011). E’ possibile scaricarla dal      box “materiali” in alto a sinistra.

Posted in Risorsa | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Newborn: HAU – Journal of Ethnographic Theory

Posted by Embodied Nationalisms su dicembre 6, 2011

E’ finalmente uscito HAU, il primo journal di etnografia peer-reviewed accessibile gratuitamente, “per rimpiazzare la domanda di copy-rights con la liberazione del copy-left”, come si legge nella prefazione al primo numero, curato da Giovanni Da Col e David Graeber. E’ possibile scaricarlo qui.

E’ una gran bella notizia, per questo corso e per tutta la comunità antropologica. Si tratta di una risorsa di alta qualità, destinata a diventare un cult per chi è riflessivamente impegnato a cogliere e tradurre in altri codici somiglianze e disgiunture, verbali e non. Mentre il panorama accademico soprattutto nelle scienze umane è attraversato da difficoltà enormi, difficoltà di comprensione, in primo luogo, della necessità di incoraggiare il pensiero e l’espressione critici sulle società, questo journal è un importante incentivo per la conoscenza attraverso (e del)l’etnografia.

Posted in Risorsa | Leave a Comment »

Che succede all’Europa (o meglio, agli stati-nazione europei)?

Posted by Embodied Nationalisms su agosto 18, 2011

Gustave Moreau - Europe et le taureau (1869)

A un anno dalla discussa decisione di Sarkozy di espellere cittadini UE (romeni e bulgari) dal suolo francese sulla base di una loro presunta minaccia all’ordine pubblico, si legge ora di una recente misura del governo spagnolo. Si tratta di una decisione destinata ad avere un’eco probabilmente minore di quella francese, ma gli assunti dai quali muove non sono così distanti. Da giovedì scorso 11 agosto 2011 i cittadini di nazionalità romena senza un contratto di lavoro spagnolo e intenzionati ad averlo non possono entrare in Spagna. Il risvolto pratico di tale manovra è semplice: cittadine/i romeni non entreranno in Spagna se non come turisti, dato che è più probabile entrare a far parte della famiglia reale inglese piuttosto che trovare lavoro in Spagna senza essere lì. Perchè questa misura? Poco meno di un terzo dei romeni oggi in Spagna – secondo il governo – è disoccupato. Aggiungete livelli di occupazione ai minimi storici, le crisi politiche africane, la recessione globale, ed ecco la radicalizzazione progressiva di un principio che arriva da un lontano (perchè pare dimenticato) passato: la seconda metà del XIX secolo. Infatti, perchè – dato un livello di disoccupazione cospicuo tra i romeni – varare una misura basata sull’essere romeno, e non sull’essere disoccupato? Qui mi sembra si annidi la radicalizzazione di un pensiero che fa dell’appartenenza nazionale la principale categoria interpretativa del mondo sociale, in grado di guidare non solo pensieri ma anche azioni, e azioni politiche (cfr Calhoun 2007 Ch. 5).

La commissione europea approva, con il commissario per il lavoro che dichiara ‘Approviamo per via della situazione particolare della Spagna’. Il sogno europeo di unità e coesione sociale elaborato da politici come Delors, Monnet, Spinelli sembra scontrarsi sempre più di frequente con le spaccature che aveva cercato di ricucire, quelle dei confini nazionali. Renderli più fluidi sembrava la direzione più auspicabile allora, prima con l’economia e la finanza, poi con la politica. Molti fatti di oggi pongono domande sulla riuscita di quel progetto, ma anche sull’effettiva capacità di quelle idee di porsi – allora – come alternativa ai nazionalismi in tempi di capitalismo accelerante. Come spiega Douglas Holmes (2000) sembra che i due principali riferimenti dei padri fondatori, ovvero principi tecnocratici propri del sapere amministrativo francese e la dottrina sociale cattolica imperneata sul principio di sussidiarietà, non siano riusciti a depotenziare il principio nazionale, che costituisce la condizione della politica da più di tre secoli… e da qualche anno quel principio sembra nuovamente radicalizzarsi. Non era facile, diciamolo.

Posted in Analisi, Migrazioni, UE | Leave a Comment »

Valutazione corso 2011

Posted by Embodied Nationalisms su giugno 27, 2011

Queste sono le valutazioni dei dieci studenti che hanno seguito il corso nel 2011 (raccolte tramite questionario anonimo via web).

Posted in Corso 2011 | Leave a Comment »

Balibar sullo straniero

Posted by Embodied Nationalisms su aprile 23, 2011

In questo contributo Etienne Balibar discute della condizione dello straniero (in francese).

Posted in Analisi, Migrazioni, Risorsa | Leave a Comment »

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: